lunedì 8 giugno 2009

Lombardia: fondi regionali per il commercio

Regione Lombardia: pubblicato il secondo bando per i Distretti Urbani del Commercio (DUC), con uno stanziamento di 20 milioni di euro. Scadenza: 30 luglio 2009 (è già previsto un terzo bando in autunno).

DUC Distretti Urbani del Commercio

Cosa sono i DUC ?
I DUC rappresentano lo sviluppo dei bandi PIC/PICS (piani integrati del commercio/piani integrati per la competitività del sistema) introdotti dalla Regione Lombardia nel 2004 e 2006. Le finalità generali dei DUC sono quelle di valorizzare i centri urbani e di sostenere i piccoli negozi di vicinato, quale fattore di aggregazione e coesione sociale ma anche di attrazione turistica e ricreativa.

In particolare i DUC puntano a sostenere e promuovere in maniera integrata:
  • il rilancio del commercio di vicinato nelle città e nei piccoli centri
  • la coesione economica e sociale e la qualità della vita dei cittadini residenti
  • la pianificazione urbanistica, specie in materia di viabilità e mobilità, recupero e rivitalizzazione dei centri storici, gestione degli spazi urbani (pubblici, residenziali, economici), sicurezza del territorio, ecc.

Il modello di programmazione del DUC si caratterizza per l'approccio:
  • territoriale: interessa un ambito urbano definito, come il centro storico oppure un quartiere; oppure un'area sovra-comunale a carattere omogeneo;
  • settoriale: l'iniziativa si concentra sul settore del commercio, anche quale fattore di coesione sociale all'interno dei centri urbani e di qualità della vita, in particolare nei piccoli comuni;
  • integrato: in quanto prevede la partecipazione dell'ente locale e delle imprese, associazioni di settore, organismi pubblici e privati; prevede diverse tipologie di interventi a carattere infrastrutturale, investimenti strutturali ed azioni immateriali di promozione e comunicazione, ecc.

Il DUC richiama vari modelli innovativi per la gestione integrata della pianificazione urbana e della programmazione del settore commerciale: centri commerciali naturali, centri integrati di via, Town Centre Management di origine anglosassone, ecc.

La flessibilità e le molteplici modalità attuative di questi modelli di programmazione hanno permesso di rispondere in maniera adeguata alle differenti caratteristiche e necessità delle realtà locali (centri storici, periferie urbane, quartieri degradati, piccolo comuni montani o rurali caratterizzati da condizioni di marginalità e declino, ecc.), di prevedere diversi livelli di coinvolgimento e di impegno e responsabilità, secondo l'articolazione e la maturità del contesto locale.

Casi studio
I Centri Commerciali Naturali. La nascita dei centri commerciali naturali – integrati nel tessuto urbano cittadino e che puntano alla riorganizzazione della rete distributiva al dettaglio nei centri storici - si contrappone al modello di sviluppo del settore commerciale centrato sulla creazione di nuove strutture commerciali non legate al tessuto urbano cittadino (centri commerciali).

Il CCN indica una rinnovata organizzazione delle attività miste (negozi, aziende artigianali, imprese di servizi, enti, associazioni, ecc.) negli spazi pubblici (piazze e strade caratterizzate dalla presenza di attività commerciali e dall’essere luoghi di aggregazione socioculturale) in maniera coordinata ed integrata per lo sviluppo e la promozione del territorio.

Il CCN consente di riqualificare e migliorare gli spazi pubblici e le aree in cui sono inseriti i piccoli negozi e le altre attività; di migliorare i servizi offerti da parte delle imprese e di favorire la crescita del tessuto imprenditoriale, e di conseguenza, innalzare il livello della qualità di vita dei residenti e di accoglienza e aggregazione socioculturale.

Elementi caratterizzanti del CCN sono:
  • la partecipazioni degli enti pubblici, operatori economici, degli abitanti
  • la stipula di un apposito Protocollo d’Intesa che approva il programma di riqualificazione urbana e di rivitalizzazione delle attività miste e che impegna i soggetti sottoscrittori alla realizzazione del piano di interventi.

Di seguito vediamo qualche esempio significativo:
CCN Colle Val D'elsa
CIV La Spezia
TCM Cesena in Centro
Associazione dei Town Centre Management

Per un approfondimento sui Distretti Urbani del Commercio in Lombardia clicca qui.

Per informazioni sul secondo bando per il finanziamento dei distretti diffusi del commercio clicca qui oppure sul sito www.commerciofiere.regione.lombardia.it

Nessun commento:

Posta un commento

Banca dati ricerca partner progetti europei




Iscriviti gratis alla Newsletter FC