giovedì 23 gennaio 2014

Finanziamenti europei per le associazioni giovanili

Bandi europei per associazioni giovanili
Gli enti, gli organismi e le associazioni che operano nel settore della gioventù possono presentare domande di contributo sui bandi 2014 pubblicati all’interno del programma dell’Unione Europea Erasmus+, sotto-programma Gioventù in Azione 2014-2020.

In linea la strategia Europa 2020, l’obiettivo generale è quello di promuovere la cooperazione europea tra nel settore delle politiche giovanili ed in particolare promuovere la partecipazione attiva dei giovani alla vita sociale, promuovere periodi di studio, formazione e volontariato all’estero per i giovani, ecc.

A tale scopo il bando 2014 potrà finanziare: 1) progetti di mobilità individuale dei giovani e degli operatori giovanili; 2) progetti di cooperazione transnazionale per l’innovazione e lo scambio di buone prassi; 3) iniziative a supporto delle riforme politiche nel settore della gioventù.

Nello specifico il bando “partenariati strategici” per l’innovazione e lo scambio di buone prassi nelle politiche giovanili finanzia progetti di cooperazione (massimo due anni) tra organismi pubblici e privati che operano nel campo dei giovani al fine di attuare approcci innovativi per lo sviluppo dei livelli qualitativi, dell’innovazione sociale e della modernizzazione delle istituzioni nell’ambito delle politiche giovanili.


Le priorità di interevento del bando 2014 sono elencate di seguito:
  1. Inclusione sociale dei giovani, con particolare attenzione ai progetti sulla disoccupazione giovanile
  2. Sport e salute: promozione delle attività all’aperto e lo sport di base, stili di vita sani, l’inclusione sociale e la partecipazione attiva alla vita sociale 
  3. Diritti e cittadinanza europea e la partecipazione attiva dei giovani con particolare attenzione alle elezioni europee 2014 
  4. Sviluppo delle competenze di base e trasversali (imprenditorialità, competenze digitali, lingue) tramite metodologie innovative di insegnamento e metodi di valutazione e riconoscimento adeguati 
  5. Sviluppo delle competenze informatiche, ICT, utilizzo risorse educative open source (OER), sostegno metodologie di formazione e valutazione multimediali, ecc. 
  6. Sviluppo degli strumenti europei di riconoscimento delle competenze e delle qualifiche a livello europeo e nazionale.

Possono presentare domande di contributo partenariati composti da almeno 2 partner, provenienti da Paesi diversi e formati da soggetti pubblici o privati che operano nel settore dei giovani, come ad esempio:
  • Associazioni non profit
  • Organizzazioni non governative 
  • Enti pubblici 
  • Gruppi informali di giovani 
  • Università, scuole, istituti e centri di formazione 
  • Altri organismi che operano nel settore della gioventù

Paesi ammissibili: 28 Paesi Membri dell’UE Paesi EFTA/SEE: Islanda, Liechtnstein, Norvegia Paesi candidati: Turchia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia Svizzera Paesi Partner (solo per alcune azioni del programma).

Contributi UE: fino all’80% delle spese ammissibili, con un massimale di 300 mila euro.

Scadenze: 30 aprile e 1 ottobre 2014

Altri bandi europei per i giovani nell’ambito del programma Erasmus+ Gioventù in Azione:
Mobilità individuale per l’apprendimento nel settore della gioventù
Progetti di capacity building nel settore della gioventù
Partenariati nello sport

Per maggiori informazioni link al sito internet del Programma Erasmus+ 2014-2020

Iscriviti gratis alla Newsletter FC